curriculum

Laurea in pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna.

 

MOSTRE PRINCIPALI

1984   Partecipa a: “I Segni dell’Emancipazione”. Mostra collettiva, Palazzo Re Enzo, Sala dei Trecento (Bologna).

1986  Partecipa a : “Strassen Theater Zum Thema Umwelt”. Intervento ambientale, Wiesbadea (Germania)

1987   Partecipa a “Sentiero”. Intervento ambientale, Parco Respighi, Zola Predosa (Bologna).

1988 Realizza le scenografie per lo spettacolo “Il dibbuk”, allestito dall’Istitito di Ricerca Teatrale di Bologna.

Partecipa ad “Arti interrotte”, mostra collettiva, Palazzo Re Enzo, Sala dei Seicento (Bologna).

Partecipa con delle diapositive a “Performance di Danza Moderna”, Flexing Inc. Dance (Bologna).

Partecipa con dei graffiti a “L’Enigma della sesta vocale”. Spettacolo di racconti, azioni e graffiti per attraversare un labirinto. Centro Teatrale Roselle (Bologna).

Esposizione Centro Culturale Ventana (Lecce).

1989 Partecipa ad “Expo Arte” (Bari) con una segnalazione del prof. Giovanni Mundula, docente dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.

Personale alla Sala Esposizione del Comune di Calderara di Reno (Bologna).

Partecipa a “Marginalia”, mostra Collettiva Sala Centro Civico di Carpi (Modena).

1990 Espone alla Galleria “Intimo” di Padova.

Partecipa a “L’Altra”, mostra Collettiva Sala Esposizioni del Comune di Calderara di Reno (Bologna).

Partecipa a “Presenze giovani nell’arte”. Collettiva Circolo Culturale Bertolt Brecht (Milano).

1992   Partecipa a “Artisti per Jiflek”, mostra collettiva Palazzo Re Enzo, Sala del Trecento (Bologna).

1996  Mostra personale “Contavalli” a Bologna.

1997  Mostra collettiva presso l’Associazione Artistica “Raggio Verde” (Lecce).

Partecipa alla “Prima Marguttiana” presso la Galleria d’Arte Centro Arte Bo in via d’Azeglio a  Bologna.

1998  Partecipa alla “Mostra del Fumetto e Illustrazione”, presso le Sale museali del Baraccano (Bologna).

Partecipa a “Kontemporanea” presso il Castello Carlo V di Lecce.

1999   Partecipa alla “Prima Biennale Internazionale di minigrafica”, Pisa.

2011   Partecipa alla Collettiva “Spazio San Giorgio” a Bologna .

2015   Finalista “Premio Internazionale Il Segno” presso il Palazzo della Racchetta di Ferrara.

 

HANNO SCRITTO DI LUI

 

“L’artista presenta opere recenti che testimoniano la presenza di una ricerca grazia alla quale egli trapassa da quadri più volti verso una materia dal sapore quasi lirico entro cui il segno (diremmo) segreto ad altri – e sono gli ultimi – dal sapore aggressivo. Qui la materia assume una maggiore e decisa violenza mentre il segno (fattosi autorevole) finisce coll’uscire dalle superfici invadendo la terza dimensione e solidificandosi grazie all’uso di fil di ferro o altro.

E sono proprio queste ultime opere che maggiormente ci sono piaciute in quanto abbiamo individuato in esse una maggiore libertà compositiva unita ad una forza in espansione (diremmo) inarrestabile.”

Roberto Vitali, critico d’arte, “Mongolfiera”, 9/89

 

“La pittura di Mario Pascariello trova le sue radici nel clima degli anni 50-60. Si pensi a Scanavino e alla pittura informale ed espressionista di quel periodo. Mi sembra di scorgere negli ultimi dipinti una volontà delirante tesa a sconfiggere la forma. Una pittura scabra, fatta di gesti ampi, ma ricca di umori; brusca, ma a volte cortese e delicata.”

Giovanni D’Agostino, pittore e docente dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, in occasione della Collettiva “Presenze Giovani dell’Arte” del 1990 presso il Circolo Culturale Bertold Brecht di Milano in via Padova, 61

 

“Le sue tele ad olio sono cariche di magnetismo evocativo, i suoi acquerelli suggestionano lo sguardo dell’osservatore proiettandolo verso mondi ulteriori.” 

Tommaso MiceliMalaguti, regista e scrittore

 

MARIO PASCARIELLO

email  pscmario@hotmail.com

  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram

All rights reserved 2019